La blogosfera incontra Franco Bernabè

bernabe1-280.jpgNon c’è solo MyBlogCamp alla BlogFest2008: venerdì 12 settembre alle ore 16, si svolgerà una interessante conversazione sul futuro dell’Italia digitale con l’amministratore Delegato di Telecom Italia, Franco Bernabè. Questo incontro si potrà seguire anche in diretta video su Yalp!

Per partecipare a questo incontro invia la tua domanda a Franco Bernabè sul tema del futuro dell’Italia digitale e sul ruolo delle telecomunicazioni nel nostro Paese: le migliori domande verranno riproposte durante l’evento.

Attenzione: per mandare la tua domanda a Bernabè non commentare questo post, ma scrivi direttamente una mail all’indirizzo blogfest@virgilio.it

La blogosfera incontra Franco Bernabèultima modifica: 2008-09-08T10:25:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “La blogosfera incontra Franco Bernabè

  1. Domanda per Franco Bernabè da Tolli di http://www.zeusnews.splinder.com:
    Dott. Bernabè, Telecom Italia vuole licenziare 5.000 persone, perché? Questi dipendenti in questi anni non hanno concorso in maniera determinante allo sviluppo dell’Adsl, a far raggiungere a Telecom Italia livelli elevati di redditività e a far guadagnare agli azionisti forti dividendi, è eticamente lecito licenziarli? Non servirebbero più dipendenti o, comunque, non si ptrebbero utilizzare meglio gli attuali per ridurre i tempi di riparazione dei guasti ed evadere più celermente i reclami? Capisco l’Alitalia che sta per fallire ma manager che prendono milioni di euro, come nel caso di Telecom, è lecito che riducano i posti di lavoro?

  2. Nella prospettiva di un Paese sempre più cablato e digitale, secondo lei che spazio avrà lo sviluppo qualitativo dei contenuti su Internet?

    Oltre ai contenuti degli utenti, che futuro prevede per la produzione dei contenuti “di qualità” prodotti dai professionisti dell’informazione e dell’intrattenimento?

  3. Foto, video, audio non solo testi. La rete offre sempre più possibilità tecnologiche ai suoi utilizzatori. In Italia ci si imbatte però iancora n limiti tecnici strutturali che preoccupano: insomma qual è il futuro della rete in Italia, tecnicamente parlando?

I commenti sono chiusi.